Lorenzo Savadori si racconta

 Lorenzo Savadori si racconta


Lorenzo Savadori è tra i talenti più interessanti del campionato mondiale Sbk. Grintoso, veloce e dalle idee chiare, il ventitreenne romagnolo del Team Milwaukee Aprilia si racconta prima della sfida spagnola di Aragòn.

Ecco come ha risposto alle nostre domande:

Come è nata la passione per le due ruote?

E’ nata perché il mio babbo correva a livello amatoriale e così mi ha trasmesso questa passione. La prima volta in sella è stata a 6 anni. Dopo una pausa di un anno, ho ripreso e non ho più smesso”.

– Che ricordi hai della prima gara?

Ricordo che è stata un’esperienza unica, con molta tensione nell’aria; devo dire che mi è piaciuto tutto sin da subito!

2015, campione del mondo Superstock 1000 con l’Aprilia: come sei riuscito a fare la differenza?

E’ stato un anno importantissimo, dove siamo andati molto forte. Grazie all’Aprilia ed al team, siamo stati competitivi su ogni pista ed in ogni condizione. Non è stato semplice ma è quello che ha fatto la differenza. La moto era molto competitiva e ringrazio ancora oggi i ragazzi che mi hanno aiutato nella conquista del titolo”.

Nel 2016 chiudi decimo nel mondiale Sbk: raccontaci i primi passi e come sei cambiato nel corso della stagione?

L’anno scorso ho iniziato a conoscere meglio la Sbk, categoria che trovo molto impegnativa. Ci sono abbastanza differenza tra una Superstock ed una Sbk. Gomme, forcellone, motore più potente, forcella….Le gare sono più lunghe ed una Sbk è più complessa da mettere a punto. Ho imparato, poi, a gestire meglio le diverse fasi della gara”.

– 2017: come va l’Aprilia, quali sono i suoi punti forti e quali i deboli?

Finora ci sono due gare positive ma dobbiamo sempre cercare di migliorare. La moto ha un grande potenziale e mi trovo molto bene con il team. Sono alla prima esperienza con una squadra straniera e questo come crescita personale credo sia importante. I punti forte della moto? E’ precisa, con un gran motore. Essendo una vera moto da corsa, a volte è più difficile trovare il set up migliore. Comunque sono in buone mani, e tutti lavoriamo per cercare di lottare per le posizioni di vertice”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *