Napoli-Atalanta 0-2 : bergamaschi hanno la meglio sul peggior Napoli della stagione

 Napoli-Atalanta 0-2 : bergamaschi hanno la meglio sul peggior Napoli della stagione


Inizia nel peggiore dei modi quel “tour de force”  di impegni ravvicinati e decisivi , dai più enfaticamente definito come  “le quattro giornate di Napoli”. Doveva essere la prima delle battaglie calcistiche che avrebbero dovuto glorificare l’attuale stagione degli azzurri ed, invece, ci si trova  a fare i conti con una triste realtà che vede costretto il Napoli, a 12 giornate dalla fine del campionato  e 12 punti di distacco dalla capolista, a dover archiviare con largo anticipo anche il più ottimistico sogno di gloria tricolore. E’ stato il Napoli più brutto della stagione, confuso, inconcludente, difficile da difendere e giustificare, privo di idee ed  anche  mal gestito dalla panchina; l’ Atalanta , ottima squadra per i valori che esprime il nostro campionato, ha fatto un tal  figurone  da rendere incomprensibile  se il risultato sia così scaturito per propri meriti o  per l’inconsistenza palesata ieri in campo dai  napoletani . Difficile offrire una ciambella di salvataggio per qualcuno: quando ci si ritrova a dover dare una generosa e risicata sufficienza , più per l’impegno profuso  che per i risultati ottenuti, ai soli Insigne , Mertens , Diawara e Zielinski ci si può facilmente rendere conto dell’oceano di mediocrità espresso ieri dall’intera squadra partenopea. Hysaj ,  mai come ieri lento e imbranato, ha recitato la parte di vittima sacrificale e subìto, impotente, le scorribande dell’atalantino Spinazzola fino a quando, a soli 10’ dalla fine, Sarri ha, finalmente, posto fine al suo lungo calvario sostituendolo con un più tonico Maggio. Stessa sorte sulla fascia opposta per Ghoulam, vittima della velocità di Conti ed incapace di arginarlo nelle sortite offensive. Si è già detto dei centrali di centrocampo, generosi ma incapaci di sfuggire al pressing dei bergamaschi e, quindi, di costruire quelle trame di gioco tali da innescare la potenza di fuoco della batteria avanzata: troppo poco i due legni colpiti da Insigne e Mertens e l’occasione sprecata da Callejon per giustificare la sconfitta ed invocare la sfortuna. Se, comunque, una giornata storta può capitare a chiunque e quindi risulta eccessivo crocifiggere i ragazzi per la insufficiente prestazione di ieri, capitolo a parte è quello che riguarda la prestazione del portiere e del centrale di difesa;  Reina , dopo un breve periodo in cui aveva mostrato cenni di ripresa ed aveva fatto sperare in un finale di stagione di riscatto, ha ripreso a sfornare prestazioni, a dir poco, imbarazzanti: i due goal subiti ieri hanno lo stesso comune denominatore degli altri subiti nell’attuale stagione, errore di posizionamento e scarsa capacità di reazione. Il portierone iberico, sicuramente uomo squadra , ragazzo per bene e legatissimo ai colori azzurri, ha  perso quello smalto di un tempo  e questo  fa di lui tra i principali colpevoli delle “debacle” difensive napoletane. Farebbe meglio se, dopo un onesto esame di coscienza,  prendesse la coraggiosa iniziativa di autoescludersi  in favore di un suo vice, togliendo, così, Sarri dalla difficile scelta di mandarlo in panchina.  Passiamo, infine,  al mistero Maksimovic: comprato in estate, dopo lunghissimo ed estenuante corteggiamento , alla “modica” cifra di 28 milioni di euro più bonus (se la cifra dichiarata risulta veritiera) è l’ennesimo oggetto misterioso della gestione De Laurentiis; arrivato come l’uomo che, insieme ad Albiol e Koulibaly  avrebbe dovuto elevare il tasso tecnico e blindare la difesa sta , invece, facendo collezione di prestazioni mediocri tali da risvegliare, giorno per giorno,  nella memoria  dei tifosi le “perfomance”  da incubo di  un altro difensore,  mai rimpianto, come Britos. Le reti messe a segno da Caldara, nelle piovosa serata di ieri, aldilà dei meriti del giovane centrale atalantino, sono il frutto anche  della involontaria complicità dei centrali che hanno lasciato il nerazzurro libero maramaldeggiare in piena area di rigore, zona che avrebbe  dovuto essere, invece,  presidiata dalla coppia centrale ed  il povero Albiol, trascinato dagli errori e delle latitanze del collega di reparto serbo, ha finito per essere vittima del naufragio difensivo. Gli imminenti impegni non permettono il lusso di soffermarsi più del lecito su questa serataccia  da incubo che va velocemente  archiviata ed   occorre, quindi, ricaricare in fretta  le pile. Si spera, però,  che il focoso presidente del Napoli, nel frattempo, non ci regali qualche altra perla verbale facendo  tesoro dell’effetto deleterio  delle sue sortite valutando, così,  il grande valore  del silenzio.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Avatar

DarioGiuffrida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *