Calcio, Eccellenza, Racing Roma, Ranieri bada al sodo: "In questo momento il primo obiettivo è il play out"

 Calcio, Eccellenza, Racing Roma, Ranieri bada al sodo: "In questo momento il primo obiettivo è il play out"


«So di essermi preso una bella responsabilità». Così Giandomenico Ranieri, ex tecnico della Virtus Nettuno di Prima categoria (e con esperienze importanti nei settori giovanili di Anziolavinio e Falasche), racconta come è nato l’accordo con il Racing Club. «E’ una bella sfida, ma volevo anche provare a cimentarmi in un campionato di ottimo livello come l’Eccellenza». Il suo debutto sul campo dell’Audace (dove però per motivi burocratici non è andato in panchina, cosa che accadrà domenica) non è stato fortunato a livello di risultato visto che la squadra di Genazzano si è imposta 3-1 nonostante il momentaneo pareggio di Bianchini. «Ma la prestazione non è stata affatto negativa, anzi fino al 90esimo (quando è arrivato il gol del 3-1, ndr) siamo stati in partita al cospetto di una squadra di alta classifica» rimarca Ranieri che poi parla dello “stato” del gruppo. «Ho trovato una squadra che sta bene fisicamente e che è comunque organizzata e questo è sicuramente un merito di mister Pino Selvaggio che mi ha preceduto. E’ chiaro che, in questo momento, il Racing ha un’autostima bassa a causa dei risultati, ma il gruppo si è messo subito a disposizione e inoltre qui ho a disposizione uno staff di collaboratori di tutto rispetto: cercheremo di dare il massimo da qui alla fine della stagione, senza fare rivoluzioni che ora non servono». L’obiettivo di Ranieri e della prima squadra regionale del club ardeatino è abbastanza chiaro. «Dobbiamo guardare la realtà: la salvezza diretta al momento è lontana, centrare i play out ci darebbe comunque la possibilità di giocarsi le nostre carte in uno spareggio». Certo, il calendario in questo momento non è proprio generoso nei confronti del Racing. «Dopo aver fatto visita all’Audace, domenica ospiteremo il Colleferro che è secondo in classifica – osserva Ranieri -. Un’altra partita durissima, ma forse è meglio così perché se riuscissimo a fare un’altra prestazione e magari un risultato positivo contro questo avversario, il morale del gruppo potrebbe beneficiarne».

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *