Il Milan al secondo posto

 Il Milan al secondo posto


Continua il momento positivo del Milan che passa al Castellani e stacca per il momento la Roma al secondo posto in classifica. Il risultato finale (1-4) penalizza oltremodo i padroni di casa, autori di un ottimo primo tempo e in partita nella prima ora di gioco, dopo la quale il Milan ha dilagato nel punteggio grazie alla qualità degli interpreti di Montella.

La prima frazione di gioco è ricca di occasioni per entrambe le squadre, con le difese un po’ leggere nel concedere varie palle gol. Dopo appena due minuti Maccarone calcia fuori a porta vuota, dall’altra parte si fa vedere Lapadula, fermato dal portiere. Squadre lunghe e gol che non tarda ad arrivare. Al quarto d’ora avvia l’azione Kucka (in campo da pochi minuti per sostituire l’infortunato Mati Fernandez), rifinisce Suso e finalizza Lapadula con un destro di prima. Passano solo 2 minuti e l’Empoli pareggia. Donnarumma respinge in uscita al limite dell’area, la palla arriva a Saponara che da fuori deposita di sinistro in porta. I gol non servono per diffondere prudenza nelle difese, e si va avanti con lo stesso trend. L’Empoli spreca con Maccarone e Saponara, il Milan sfiora il gol con Abate e Bonaventura. Al 61′ la gara si indirizza a favore del Milan grazie al piattone di Susoche porta nuovamente in vantaggio i suoi. I padroni di casa questa volta non riescono più a reagire avendo sprecato molte energie, ed il Milan dilaga. Al 64′ Bonaventura scende a sinistra e trova l’autorete di Costa sul suo cross verso il centro area, al 77′ Lapadula, aiutato da una deviazione, firma la doppietta personale a suggellare la sua prestazione.

Загрузка...


Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *