ANGUILLARA – VOLLEY MASCHILE: SCONFITTA “CASALINGA” DEL SESTETTO DI FAGIANI

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Lo spostamento all’ultimo momento sul campo di Formello può essere stato fastidioso ma non crediamo che abbia poi influito più di tanto sull’esito dell’incontro. Ne chiediamo conferma a Federico Fagiani un tempo palleggiatore e da diverse stagioni impegnato e soddisfatto nel ruolo di banda.
Federico, che partita è stata?
“Una partita dura. Lo sapevamo sin dalla vigilia. L’allenatore ci aveva annunciato che avremmo dovuto ripeterci al meglio su alcuni fondamentali. Uno su tutti il servizio, con il quale avremmo dovuto cercare di impensierire la loro ricezione complicandone le azioni di attacco. Senza voler cercare scuse va comunque detto che i nostri avversari di oggi, sono tra i candidati per il passaggio in B1 e questo mitiga, anche se solo in parte, la nostra delusione”
In che cosa pensi che siate mancati?
“Abbiamo ancora qualche difetto nella correlazione muro / difesa. Su questo c’è tanto da migliorare soprattutto per un’amalgama che ancora non abbiamo raggiunto con i nuovi arrivati. Certo potevamo fare molto meglio ma ci stiamo lavorando sopra”
Il punteggio secco di 3 a 0 secondo noi non è veritiero. In campo non ci sembra di aver visto tutta questa differenza.
“Prima dell’inizio del campionato, in occasione di un’amichevole, li avevamo battuti e non mii sembra di poter dire che oggi si sia trattato di un’altra squadra. Probabilmente quando in gioco ci sono tre punti lo scenario cambia radicalmente”
Siete decisamente mancati nel secondo set. Impressione sbagliata?
“Credo si possa parlare di una specie di crollo psico fisico al limite dell’incomprensibile. Nel primo set ci siamo saputi battere alla pari mentre nel secondo ci è proprio mancata la testa”.
Dopo la prima frazione sei stato fatto uscire e non ci sembrava tu stessi giocando male. Qualche problema fisico?
“No, stavo bene, anche se non posso dire di essere al top; è stata solo una scelta tecnica voluta dal coach che non contesto assolutamente”
Senti Federico, le sconfitte fanno sempre male, ma è peggio quella di oggi o quella contro il Club Italia?
“Sicuramente fa più male quella subita in casa all’inizio del campionato con il Club Italia. Eravamo assolutamente in grado di vincere quell’incontro e ci siamo rimasti tutti molto male”.
Domenica prossima a Fiumicino incontro pesante con l’Havana Beach. Altra brutta gatta da pelare.
“Il campionato di B2 è tutto difficile. C’è da lavorare, niente chiacchiere e solo lavoro”.
Federico, un’ultima inevitabile domanda. Come ci si trova a giocare in una squadra allenata dal proprio genitore, è difficile?
“Ho avuto la fortuna di passare per diverse esperienze e quindi rapportandomi a diversi allenatori che in qualche modo mi hanno insegnato che anche se più complesso sotto un profilo psicologico, le indicazioni del coach, chiunque egli sia, vanno seguite e rispettate. Non godo tra l’altro di anticipazioni sulla composizione della squadra o su scelte che intende fare. Sono uno dei giocatori della Volley Anguillara e vengo trattato esattamente come tutti gli altri e credo che dalle tribune questo sia piuttosto evidente”.
C’è da lavorare ammette Federico e siamo certi che coach Fagiani non lesinerà indicazioni e suggerimenti. Domenica è un’altra partita, difficile certo, ma gli azzurri siamo certi venderanno cara la pelle, anzi, carissima.

Renato Magrelli [foldergallery folder=”cms/file/BLOG/7143/” title=”7143″]

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick