ANDREA DESMODOVI 10: Dopo una prima fase di studio, tempo quattro giri ed è a guidare le danze. A diciotto tornate dal traguardo, inizia l’allungo che lo porterà a trionfare davanti al pubblico di casa. Certo la Ducati lo aiuta tanto ma anche il suo cuore e la sua voglia hanno fatto la differenza. Un successo che rilancia le azioni del forlivese anche per la piazza d’onore del campionato. Fantastico!

 

MARC MARQUEZ 9: Lo spagnolo, nonostante una moto non all’altezza della rivale italiana, le tenta tutte per essere della partita che conta. Nulla ha potuto contro il Dovi ma è stato in grado di spingere all’errore il connazionale Jorge. Nonostante la matematica gli consigliasse di accontentarsi è incredibile come, attraverso una classe al di sopra di tutti, riesca ad allungare in classifica anche senza cogliere la vittoria. Il successo, invece, lo ha ottenuto nella conferenza stampa, quando ha dimostrato al mondo intero che per essere dei campioni bisogna prima essere degli uomini. Bravo!

 

CAL CRUTCHLOW 8: L’inglese è anche lui autore di una gara interessante ed il podio premia gli sforzi suoi e del team. Poche chiacchiere e tanta sostanza. Good!

 

ALEX RINS 7,5: La sua prova è un mix tra guida spettacolare e concretezza. Anche questa volta fa capire perché la Suzuki ha puntato ancora una volta su di lui. Super!

 

MAVERICK VINALES 7: Seppur lontano dal podio, il ragazzo di Figueres è il primo rider delle Yamaha. Magra consolazione per chi possiede un talento che non ha nulla da invidiare a nessuno. Forza!

 

DANI PEDROSA 6,5: E’ la brutta copia del Daniel che anche a Misano, in passato, ha dimostrato di essere un signor pilota. In calo!

 

VALENTINO ROSSI 4: Il voto scaturisce non solo dalla prova scialba tra i cordoli di casa. E’ soprattutto la valutazione di un comportamento che mai, ripeto mai, un uomo dovrebbe avere, soprattutto se è il punto di riferimento per milioni di appassionati. Il non aver stretto la mano a Marquez è un qualcosa che neanche ai bimbi impegnati nelle sfide dell’oratorio dovrebbe essere permesso. Davvero crede che non ha vinto un mondiale perché c’è stato un biscotto? Suvvia…Purtroppo per lui Marquez non solo lo batte in pista ma anche nella signorilità. Lontano anni luce dal titolo, distante troppi secondi dalla vittoria, questo Mister 9 volte sembra aver imboccato il viale del tramonto. Un tramonto, però, che di romantico non ha nulla. Male!

 

JORGE LORENZO 6,5: Il voto nasce dalla media tra il 9 e il 4. Gagliardo per quasi tutto il fine settimana ossia fino a quando cede alle pressioni di Marc e Andrea. Certo va apprezzata la voglia di provarci ma è pur vero che conta ciò che accade dopo aver tagliato il traguardo. Rimandato!

 

DUCATI: Sopraffina.

 

HONDA: Una spanna lontana dal vertice.

 

SUZUKI: In salute.

 

YAMAHA: Malaticcia.

 

KTM e APRILIA: Fantasmi.

 

GARA: Al di fuori della sfida tra il 99 ed il 93, noiosetta.

 

FENATI: Il suo vergognoso gesto è ingiustificabile e va condannato senza se e senza ma. Il rispetto tra i piloti, che ricordo rischiano tutti la vita, non deve mai mancare. Una curiosità: perché alcuni che condannano, giustamente, la sua azione, di fronte a certi calcetti hanno provato misericordia se non gaudio?

 

FISCHI MARQUEZ: I soliti fluorescenti frustrati sono passati dalla testa di maiale alle urla per il campione del mondo in carica. Se sul maiale posso sorvolare perché è il loro simbolo non riesco, però, a comprendere cosa li spinga a fischiare. Ha ragione, forse, qualcuno quando dice che è l’unica gioia che gli è rimasta…