Vela, il Vitamina Sailing con Cetilar per un super 2019


Porto Cervo - Event 2 Melges 40 Grand Prix Porto Cervo, 5-8 August 2018 © Melges 40 Grand Prix/Zerogradinord #melges40 #zerogradinord #portocervo #yccs #oneoceanfoundation #hellyhansen #garmin




Tre barche, undici appuntamenti agonistici tra Italia, Spagna, Croazia e Olanda, per quindici atleti impegnati in circa settanta giorni di mare tra regate e allenamenti: la stagione del Vitamina Sailing, il team velico che fa parte dell’ambizioso progetto Cetilar® Sailing ed è capitanato dall’imprenditore Andrea Lacorte, fondatore con il fratello Roberto e attuale Presidente della casa farmaceutica toscana PharmaNutra SPA, si prospetta come la più intensa delle otto fin qui disputate, un inno all’eclettismo e un impegno totale che ha pochi eguali nell’ambito della vela italiana.

Vitamina Sailing, che quest’anno può contare su una new entry di livello assoluto come il tattico Tommaso Chieffi – il nome più noto della vela italiana nel mondo, con all’attivo partecipazioni da protagonista ai Giochi Olimpici, Coppa America, Admiral’s Cup e giro del mondo in equipaggio a tappe (Volvo Ocean Race) – sarà presente nella classe Melges 32 (un ritorno, dopo le cinque stagioni disputate tra il 2013 e il 2017), nell’ambito delle regate a rating con il Melges 40 Vitamina Cetilar, dotato per l’occasione di un certificato di stazza ORC International, e a tre eventi del circuito dei catamarani M32.

Nel dettaglio, la stagione del Melges 32 (tattico lo stesso Chieffi e coach l’esperto Carlo Fracassoli della Quantum International), che sarà brandizzato Cetilar® – l’innovativa crema antinfiammatoria a base di esteri cetilati (7,5% CFA) rivolta prevalentemente agli sportivi – prevede, dopo allenamenti a Marina di Pisa e Cala Galera, regate della World League in Sardegna (Villasimius dal 29 al 31 marzo e Puntaldia dal 17 al 19 maggio), Riva del Garda (5-7 luglio) e Spagna, dove tra Barcellona e Valencia sono in programma l’ultima tappa del circuito (26-28 settembre) e l’atteso Campionato del Mondo di classe (22-26 ottobre).

Tre invece gli appuntamenti della stagione ORC International per il Melges 40 (tattico il triestino Gabriele Benussi, vincitore delle ultime due edizioni della Barcolana), che nella nuova conformazione, ottimizzata dal progettista Maurizio Cossutti, farà il suo esordio agonistico alla Settimana Velica Internazionale di Alassio (15-17 marzo). Nella prima settimana di giugno, il team sarà poi di scena a Sebenico, in Croazia, per partecipare al Campionato Mondiale ORC International, super evento cui sono attese circa 150 barche, e a Palma di Maiorca, alle Baleari, dove dal 27 luglio al 3 agosto è in programma la Copa del Rey Mapfre, l’evento di vela d’altura più noto e seguito in Spagna.




Per concludere, il catamarano M32, che negli ultimi due anni ha avuto nel Vitamina Sailing un grande protagonista, grazie al trionfo nel circuito Europeo 2017 e al secondo posto assoluto, con successo nella classifica Corinthian, in quello 2018: quest’anno, Lacorte e il suo equipaggio, che sul multiscafo comprende anche i due giovani campioni australiani Torvar Mirsky e Cameron Seagreen, scenderanno in acqua in tre occasioni, a fine maggio a Marina di Pisa e a fine giugno ad Amsterdam per due tappe del circuito Europeo, e a fine agosto a Riva del Garda, sull’omonimo lago, per il Campionato del Mondo.

“Sarà una stagione intensa e impegnativa, perché non sarà facile gestire tre imbarcazioni diverse e riuscire a competere ai massimi livelli in tutte le categorie”, spiega con entusiasmo Andrea Lacorte, armatore ma soprattutto timoniere di tutte le barche del team Vitamina Sailing, in regata per lo Yacht Club Repubblica Marinara di Pisa e con base operativa presso il Porto di Pisa. “Il ritorno sul monotipo Melges 32 è dovuto principalmente al fatto che la classe Melges 40, in cui abbiamo creduto fin dall’inizio, quest’anno si prenderà una piccola pausa, in attesa che riparta con l’arrivo di nuovi armatori. La scelta migliore è stata quindi ottimizzare la nostra barca per le regate ORC International, dotandola di un certificato di stazza che ci consentirà di confrontarci, grazie al sistema dei compensi, con altri scafi di alto livello. D’altronde il Melges 40 è la barca one design più moderna e performante in circolazione, quindi continuare a farla navigare era la scelta più ovvia. Tornare a regatare in monotipo con il Melges 32, invece”, prosegue Lacorte, “è un piacere, per me personalmente e per tutto l’equipaggio, anche perché è una classe cui siamo affezionati e che sta vivendo una seconda giovinezza: farlo con un campione del calibro di Tommaso Chieffi è qualcosa di straordinario. Non vediamo l’ora di ritrovarci a bordo, per iniziare questa stagione che non ha precedenti e che ci impegnerà a fondo, da tutti i punti di vista”.

Coordinata dal Team Manager Matteo De Luca, l’attività del Vitamina Sailing s’inserisce nell’ambito del progetto Cetilar® Sailing e del più ampio Cetilar® Sport, che prossimamente sarà presentato nel dettaglio e prevede anche una stretta collaborazione con importanti realtà sportive italiane per attività di mentoring.

 



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*