Coppa Italia, Inzaghi: “Molto contento della prestazione dei miei”





“Sono molto contento di questa partita, in questi quattro/cinque giorni la squadra si è allenata nel migliore dei modi, avevo chiesto umiltà e concentrazione ai ragazzi dato che affrontavamo il Novara, una squadra che milita nel campionato di Serie C. Abbiamo messo in mostra un buon calcio nel primo tempo, abbiamo realizzato quattro gol e ci siamo assicurati il passaggio del turno. Sono rammaricato di aver subito gol su rigore e di non aver realizzato qualche rete in più nella ripresa; dopo quindici giorni di riposo è difficile riattaccare subito la spina per affrontare al meglio il match ma i miei ragazzi sono stati bravi.

Pedro Neto è un talento che sta crescendo, è un classe 2000. È intelligente e dotato di grandissime doti tecniche. È penalizzato in quanto davanti ha Immobile e tanti altri giocatori di qualità, altrimenti avrebbe esordito prima, ma lui è un ragazzo disponibile e serio. Si è integrato subito con tutto il gruppo: ha meritato questo debutto.

Il nostro avversario ai quarti di finale lo conosceremo al termine del confronto fra Inter e Benevento. Oggi ho utilizzato optato per poco turnover in quanto decido in base agli allenamenti: chi oggi non è rimasto in campo per tutti i 90 minuti, domani giocherà con la Primavera. Per questo match ho cercato di scegliere i migliori.

Con la società siamo in continuo contatto, sappiamo che, se dovesse uscire qualche elemento, dovremo sostituirlo. Lukaku e Durmisi sono due ottimi giocatori che per problemi fisici non ho potuto utilizzare tanto nel girone di andata. Lulic conosce la fascia a sinistra a memoria e con me ha messo in mostra cose straordinarie, in alcuni casi potrei anche schierarlo a destra. Su quella corsia c’è anche Patric che ha sempre dato il 100% per la squadra”.






Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 5100 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*