Conclusi i test della Mv Agusta F2





Si sono ufficialmente conclusi, presso il circuito di Jerez de la Frontera, i primi test invernali che hanno inaugurato la stagione 2019 e, allo stesso tempo, hanno testimoniato l’ufficiale debutto in pista della nuova moto F2 del team MV Agusta Forward Racing.
Sono stati tre giorni di intenso lavoro per i piloti Dominic Aegerter e Stefano Manzi, oltre che per tutto il team. Nonostante il meteo abbia limitato la possibilità di compiere molti giri sull’asciutto, i risultati ottenuti sono davvero soddisfacenti e portano alla pausa invernale con il giusto entusiasmo per proseguire lo sviluppo della nuova moto, in vista dei prossimi impegni del 2019.
Stefano Manzi è tornato in pista dopo le ultime noie al polso infortunato, trovandosi subito a suo agio sulla F2, registrando tempi davvero positivi e dicendosi entusiasta del nuovo progetto 2019.
Dominic Aegerter ha, invece, fatto conoscenza con la sua nuova squadra, oltre che con la sua nuova moto, dimostrandosi anch’egli entusiasta e orgoglioso di questa nuova avventura appena iniziata.
Nel box si è respirata molta emozione, ma anche tanto senso di responsabilità nel riportare sul palcoscenico iridato l’eccellenza italiana delle due ruote, Mv Agusta.
Dopo aver trovato la strada da percorrere, il team si dedicherà al lavoro invernale, per prepararsi al meglio in vista dei test di febbraio e della prima vera sfida del 2019: il Gp del Qatar.

Dominique Aegerter – Rider
«Devo dire che sono realmente contento di essere entrato a far parte del progetto MV Agusta Forward Racing Team: questo mi consentirà di imparare molto e, allo stesso tempo, di contribuire allo sviluppo di questa moto. Per me è tutto nuovo, sia la moto che la squadra, ma la prima impressione è davvero positiva, mi sono divertito, i ragazzi sono competenti e professionali, e sono certo che lavoreremo bene durante l’anno. Abbiamo tanto da fare ma, passo dopo passo, durante questo week end abbiamo trovato la strada da seguire. In questi giorni di test abbiamo girato bene, vicino alla testa della classifica: abbiamo provato differenti specifiche sul telaio, testato le sospensioni e lavorato sulla geometria. Un peccato per il meteo che non ci ha aiutato. Nel complesso mi sento bene sulla F2, non vedo l’ora di tornare di nuovo in sella! Durante l’inverno lavoreremo ancora sui possibili sviluppi in vista dei test di febbraio, nel frattempo continuerò la mia preparazione fisica e cercherò anche di imparare un po’ l’italiano!».

Stefano Manzi – Rider
«E’ stato un test molto positivo, sono davvero contento. La moto è andata bene fin da subito: ho utilizzato una prima versione venerdì e una più evoluta successivamente. Mi sono trovato subito a mio agio e già non vedo l’ora dei test nel 2019. Ora ci aspetta la pausa invernale dove continuerà lo sviluppo della moto e io farò una buona preparazione, in vista dei prossimi impegni su pista. Le basi gettate qui a Jerez sono davvero buone, non ci resta che proseguire su questa strada per arrivare a raggiungere risultati importanti».

Giovanni Cuzari – Team Owner
«Sono stati tre giorni davvero emozionanti: è bellissimo aver potuto iniziare finalmente questo nuovo progetto, nonostante le responsabilità che esso comporta. Penso che il test sia andato bene: essere distanti soltanto un secondo e due decimi dalle moto degli altri costruttori che avevano già avuto modo di girare su questa pista, credo sia un ottimo risultato e un buon punto di partenza. Ancora più ottimismo, in termini di tempi, viene dal fatto che non abbiamo nemmeno avuto modo di utilizzare una gomma più performante, per via delle condizioni climatiche che hanno limitato tutti e tre i giorni qui a Jerez. Ora ci aspetta molto lavoro nell’imminente pausa invernale: sono tanti i margini di miglioramento: analizzeremo i dati di questi giorni, dove abbiamo lavorato su dei macro set up per poter capire in quale direzione andare con lo sviluppo della F2. C’è spazio di perfezionamento anche sull’elettronica, anche questo un mondo tutto da scoprire, di conseguenza diciamo che questa esperienza ci ha dato la giusta carica e grande entusiasmo per proseguire nel lavoro delle prossime settimane e lasciarci definitivamente alle spalle lo scorso campionato, che è stato davvero sofferto».






Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4857 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*