Rea vince la nona gara consecutiva in Argentina





Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) ha fatto la storia ancora una volta al Circuito San Juan Villicum, vincendo la primissima gara in Sudamerica del Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike dominando in maniera autoritaria. Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati) ed un brillante Toprak Razgatlioglu (Kawasaki Puccetti Racing) completano il podio di Gara 1. Con la vittoria di Rea, Kawasaki conquista ufficialmente il titolo costruttori per il quarto anno consecutivo.

Dopo essere stato beffato in qualifica dal veterano italiano, Rea si è imposto già allo scattare del semaforo, prendendo la linea pulita alla prima e alla seconda curva e aprendo da subito un gap. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team WorldSBK) è passato velocemente in terza posizione, mentre Alex Lowes (Pata Yamaha Official WorldSBK Team) e Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati) sono stati autori di una buona partenza che li ha portati nelle posizioni di testa. Momento di delusione per il pubblico, perché Leandro Mercado (Orelac Racing VerdNatura) è caduto mentre si trovava nei primi dieci.

Venerdì Rea aveva detto che la gara si sarebbe decisa negli ultimi 3-4 giri, con una grande incognita su come le moto del World Superbike avrebbero risposto ai 21 giri sulla pista argentina. Ma il campione ha dominato più che mai, guidando in maniera mozzafiato con un ritmo costante e andando poco sopra l’1:40, anche negli ultimi giri.

Con Rea inarrestabile e Melandri tranquillamente secondo, tutti gli occhi erano puntati sulla lotta per la terza posizione. Non mancano punti di sorpasso sullo spettacolare circuito argentino e questo è stato dimostrato nella prima gara: Laverty ha sopravanzato Sykes al quinto giro sul rettilineo, mentre alle loro spalle c’è stata una lotta per la quinta posizione composta da quattro piloti, Lowes, Razgatlioglu, Davies e Xavi Fores (Barni Racing Team).




I quattro hanno ricucito il distacco tra Laverty e Sykes poco dopo: l’esordiente turco ha sorpassato Sykes al 13esimo giro ed il pilota Aprilia lo ha fatto un giro dopo. Davies invece è caduto nel tentativo di sorpasso su Sykes, mentre iniziavano a cadere le prime gocce di pioggia, proprio a metà di Gara 1.

Rea ha tagliato il traguardo con nove secondi di vantaggio su Melandri ed un fantastico Razgatlioglu è riuscito a mantenere la terza posizione, salendo sul podio del World Superbike per la seconda volta. Fores ha conquistato la quarta posizione all’ultimo giro, alle sue spalle troviamo Laverty, quinto. Sykes ha chiuso la gara in sesta posizione, seguito da Lowes, settimo.

Gara difficile per Michael van der Mark (Pata Yamaha Official WorldSBK Team), che è arrivato alla bandiera a scacchi in ottava posizione, precedendo Loris Baz (GULF Althea BMW Racing Team) che è riuscito a sopravanzare Leon Camier (Red Bull Honda World Superbike Team) per la nona posizione.

Menzione speciale per i debuttanti nel WorldSBK in Argentina: Florian Marino (TripleM Honda World Superbike Team) ha tagliato il traguardo in 11esima posizione, mentre Maximilian Scheib (MV Agusta Reparto Corse) è 13esimo e Gabriele Ruiu (Team Pedercini Racing) è 14esimo. Quest’ultimo, a 18 anni, è il più giovane pilota della storia del campionato ad ottenere punti.



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4857 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*