Calcio, Ss Torre Angela Acds, I° categoria, Pianelli senza mezze misure: “Obiettivo? O primi o primi”





Un pareggio con rammarico. La Prima categoria del Torre Angela Acds Calcio impatta 2-2 con l’Atletico
Lodigiani nell’esordio casalingo davanti a una buona cornice di pubblico. Una partita combattuta
quella con la formazione di mister Fiatti, andata due volte in vantaggio e due volte raggiunta dai ragazzi
del tecnico Andrea Rubenni prima con Federici e poi con Pianelli. Eppure il Torre Angela Acds ha le
recriminazioni maggiori visto che nel secondo tempo, nonostante l’inferiorità numerica causata dal
cartellino rosso comminato allo stesso Federici, ha spinto parecchio e creato buone opportunità da
rete fallendo anche un calcio di rigore con Del Vecchio.

Le parole di Pianelli

«Abbiamo fatto un’ottima prestazione nonostante la squadra sia ancora un po’ imballata fisicamente – commenta il difensore centrale classe 1986 Guido Pianelli – Sicuramente c’è del rammarico per non essere riusciti a conquistare una vittoria che meritavamo. In dieci uomini abbiamo provato a spingere contro una squadra molto tosta fisicamente, ma purtroppo abbiamo anche sbagliato un calcio di rigore: cose che capitano, il calcio è anche questo. Devo fare i complimenti ai ragazzi che sono entrati nel secondo tempo perché hanno dato un contributo importante, segno che la rosa è competitiva».

Nel prossimo turno il gruppo di mister Rubenni sarà ospite dell’Accademia Real Tuscolano: un altro esame per un Torre Angela Acds che è partito col piede giusto e sta dimostrando di poter essere una squadra ambiziosa. Anche Pianelli non sembra avere dubbi sulle prospettive stagionali del club capitolino caro alla famiglia Ciani (con in testa il presidente Roberto e il direttore generale Fabrizio) e al direttore sportivo Davide Miscoli, ovviamente tutti presenti ieri sulle tribune dell’impianto di via Amico Aspertini. «Quali devono essere gli obiettivi? Molto semplice, dobbiamo arrivare o primi o primi…» conclude il difensore centrale senza mezze misure.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*