Davies 5º e Melandri 6º in Gara 1 a Magny Cours





Dopo una giornata di prove libere, il team Aruba.it Racing – Ducati è tornato in pista a Magny Cours (Francia), teatro dell’undicesimo round del Campionato Mondiale Superbike 2018, per affrontare la prima di due gare in programma. Chaz Davies, pur non essendo ancora al 100% della forma a causa di un duplice infortunio alla clavicola, ha stretto i denti partendo dalla seconda fila, recuperando terreno e lottando per il podio fino alla bandiera a scacchi, per poi chiudere in quinta posizione a meno di due secondi dal terzo classificato. Gara in rimonta anche per Marco Melandri che, dopo aver accusato alcune difficoltà con la gomma da qualifica chiudendo la Superpole al 12º posto, è riuscito a risalire fino alla sesta posizione, immediatamente alle spalle del suo compagno di squadra.

Michael Ruben Rinaldi, dopo essersi messo in evidenza in prova ed in qualifica con l’Aruba.it Racing – Junior Team, è invece stato costretto al ritiro a causa di un problema tecnico, risultato poi in una caduta senza conseguenze fisiche di rilievo nel corso del terzo giro. Il team Aruba.it Racing – Ducati e l’Aruba.it Racing – Junior Team torneranno in pista domenica 30 settembre alle 10:10 (CET) per un’ultima sessione di warm-up in vista di Gara 2, con partenza fissata per le ore 15:15 locali.

Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) – 5º
“Dopo una partenza non troppo entusiasmante, abbiamo fatto tutto il possibile per recuperare su Fores e Savadori, ed a metà gara ho cominciato a sentire l’odore del podio. Sul finale, tuttavia, non sono riuscito a portare a termine la rimonta dal momento che abbiamo avuto qualche problema di guidabilità e non mi era possibile essere fluido come avrei voluto. È un peccato non aver potuto dare battaglia, ma tutto sommato possiamo essere contenti della nostra prestazione. Fisicamente non sono al 100% ma in gara mi sono sentito abbastanza bene. Ora proveremo a rendere la moto un po’ più docile per sfruttare al meglio la partenza dalla prima fila in Gara 2”.

Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati #33) – 6º
“È stata una gara difficile ma allo stesso tempo positiva per noi. In Superpole abbiamo avuto delle difficoltà inattese con la gomma da qualifica, e partire dalla 12ª casella sicuramente ci ha complicato i piani. Nei primi giri faticavo in staccata e non riuscivo a sorpassare, così ho perso un po’ di terreno. Poi ho trovato il mio ritmo, girando costantemente su tempi da podio e facendo qualche bel sorpasso, ma ormai era tardi per riuscire a colmare il distacco. Sono ottimista per domani, dal momento che partiremo dalla prima fila. Detto ciò, dobbiamo ancora migliorare un po’ il setup per poter essere più aggressivi, soprattutto nelle prime fasi”.




Michael Ruben Rinaldi (Aruba.it Racing – Junior Team #21) – Rit.
“Se analizziamo il weekend, a livello di prestazioni possiamo essere contenti perché abbiamo dimostrato di essere abbastanza veloci. D’altro canto, sono un po’ triste perché un problema tecnico ci ha penalizzato in gara. Sono leggermente acciaccato dopo la caduta, ma cercherò comunque di concludere il campionato in bellezza. La consapevolezza di essere competitivi mi darà una motivazione in più domani”.

Marco Zambenedetti, Coordinatore Tecnico Ducati Corse in pista
“Nonostante qualche difficoltà in prova, siamo riusciti a trovare una buona competitività in assetto da gara ed entrambi i piloti hanno dato il massimo. Chaz ha sfiorato il podio, estendendo comunque il suo vantaggio nella lotta per la seconda posizione in campionato, ed anche Marco ha mostrato un bel ritmo dopo i primi giri, recuperando diverse posizioni. Analizzeremo i dati per consentire ad entrambi di migliorare ancora e sfruttare la partenza dalla prima fila domani”.



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4857 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*