F1: nella noia di Singapore le Ferrari solo 3°e 5°





La legge di Singapore non si smentisce: nella Montecarlo d’Oriente può succedere di tutto, ma spesso anche niente. Con Sebastian sul podio in terza posizione e Kimi in quinta, la Scuderia Ferrari conferma le posizioni di qualifica. Peccato, perché l’inizio della gara aveva fatto sperare in qualcosa di più, ma Seb ha dovuto fare i conti con il traffico che ha in parte compromesso una strategia aggressiva.

IL FILM DELLA GARA: I primi dieci sono tutti su Hypersoft. Al via Seb attacca Verstappen, gli si incolla dopo la prima curva e lo passa già alla leggera piega della curva 6, appena prima che esca la luce gialla per l’incidente di Ocon. Kimi intanto mantiene la quinta posizione.

Si riparte al giro 5, senza sorpassi. In questa fase le Ferrari cercano soprattutto di gestire gomme e benzina. Solo dopo il decimo passaggio il ritmo inizia a farsi vivace, mentre ai muretti già si ragiona sul pit-stop. Il cambio gomme di Vettel arriva all’inizio del 15esimo giro. In uscita, il pilota deve fare il massimo per tentare di far funzionare l’undercut. Seb ha montato le Ultrasoft e Hamilton va ai box per la soft, rientrando ancora davanti, mentre Vettel è in lotta con Perez. Nella lotta dei cambi gomme, la Ferrari ha guadagnato alcuni decimi, ma non sono bastati.

Kimi invece “allunga” il suo stint, mentre il suo compagno passa la Force India al giro 17. Ma ha perso molto tempo e si trova appena dietro a Verstappen uscito dai box. Kimi, in testa, tiene un buon ritmo. Seb ha dovuto raffreddare i freni, adesso riprende il passo.
Per Raikkonen il momento della sosta arriva al 23esimo passaggio. A differenza di Vettel, monta un set di Soft, le più dure a disposizione qui. A sorpresa, cadono alcune gocce di pioggia. In testa c’è Ricciardo che non ha ancora cambiato pneumatici: lo fa al 28esimo giro, per le Ultrasoft.
A due terzi di gara, il gruppo di testa incontra quello dei primi doppiati. Ne approfitta Kimi per portarsi sotto a Bottas, ma siamo a Marina Bay e i sorpassi sono merce rara. Il duello finale ravviva un po’ la notte di Singapore, ma ormai c’è da pensare soprattutto alle prossime sei gare.




Fonte: ferrari.com

POS
DRIVER
CAR
LAPS
TIME/RETIRED
1
LEWIS
HAMILTON
MERCEDES
61
1:51:11.611
2
MAX
VERSTAPPEN
RED BULL RACING TAG HEUER
61
+8.961S
3
SEBASTIAN
VETTEL
FERRARI
61
+39.945S
4
VALTTERI
BOTTAS
MERCEDES
61
+51.930S
5
KIMI
RÄIKKÖNEN
FERRARI
61
+53.001S
6
DANIEL
RICCIARDO
RED BULL RACING TAG HEUER
61
+53.982S
7
FERNANDO
ALONSO
MCLAREN RENAULT
61
+103.011S
8
CARLOS
SAINZ
RENAULT
60
+1 LAP
9
CHARLES
LECLERC
SAUBER FERRARI
60
+1 LAP
10
NICO
HULKENBERG
RENAULT
60
+1 LAP
11
MARCUS
ERICSSON
SAUBER FERRARI
60
+1 LAP
12
STOFFEL
VANDOORNE
MCLAREN RENAULT
60
+1 LAP
13
PIERRE
GASLY
SCUDERIA TORO ROSSO HONDA
60
+1 LAP
14
LANCE
STROLL
WILLIAMS MERCEDES
60
+1 LAP
15
ROMAIN
GROSJEAN
HAAS FERRARI
60
+1 LAP
16
SERGIO
PEREZ
FORCE INDIA MERCEDES
60
+1 LAP
17
BRENDON
HARTLEY
SCUDERIA TORO ROSSO HONDA
60
+1 LAP
18
KEVIN
MAGNUSSEN
HAAS FERRARI
59
+2 LAPS
19
SERGEY
SIROTKIN
WILLIAMS MERCEDES
59
+2 LAPS
NC
ESTEBAN
OCON
FORCE INDIA MERCEDES
0
DNF



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4759 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*