La Ducati al Sachsenring





– Il Sachsenring è una delle poche piste dove Jorge Lorenzo non ha ancora ottenuto una vittoria, insieme a Termas de Rio Hondo, Austin e al Red Bull Ring, oltre naturalmente al nuovo circuito di Buriram in Tailandia, su cui si correrà per la prima volta a inizio ottobre.
 
– Il pilota maiorchino è stato sul podio del Sachsenring sei volte – nel 2006, 2009, 2010, 2011, 2012 e 2014 – e ha ottenuto due pole position nel 2006 e nel 2010.
 
– Nel 2013, Jorge non ha preso parte alla gara dopo un incidente in prova che ha danneggiato una placca inserita nella clavicola solo due settimane prima, dopo l’incidente di Assen.
 
– Lorenzo ha recuperato 8 posizioni all’inizio del GP d’Olanda, ed è stata la migliore partenza per un pilota MotoGP in questa stagione.
 
– La vittoria di Stoner nel 2008 è il miglior risultato ottenuto dalla Ducati al Sachsenring. In quel weekend il pilota australiano ha anche stabilito la pole position e segnato il giro più veloce in gara. Solo due piloti hanno ottenuto questi risultati da quando la pista è tornata in calendario nel 1998.
 
– Andrea Dovizioso è arrivato terzo nel GP di Germania del 2016, una gara iniziata con la pioggia e terminata con asfalto asciutto. Prima del cambio moto, Andrea era al comando della gara ed è stato il pilota con il maggior numero di giri in testa.
 
– Il pilota romagnolo ha ottenuto due podi in Germania, nel 2016 e nel 2012. Inoltre ha conquistato la Pole Position nel 2004, anno in cui si è laureato campione del mondo nella classe 125.
 
– Ducati ha ottenuto un totale di cinque podi al Sachsenring: con Bayliss (2003), Capirossi (2007), Stoner (2008 e 2009) e Dovizioso (2016).
 
– Ducati detiene anche il record di velocità per la MotoGP in Germania, con 298,20 km/h nonostante il rettilineo del Sachsenring sia lungo solo 700 metri.
 
Curiosità
 
– Il Sachsenring è il circuito più corto di tutto il campionato, con una lunghezza di 3671 metri ed è l’unica pista più corta di 4 km presente nel calendario.
 
– La prima volta che il Sachsenring ha ospitato una gara del campionato mondiale è stato il 1961, e la gara si è poi disputata ininterrottamente fino al 1972. In quel periodo il tracciato aveva un percorso urbano di cui oggi rimane solo l’ultima curva sul rettilineo principale nello stesso punto in cui era precedentemente. Dal 1998 in poi il Sachsenring è tornato in calendario ed è diventato un circuito permanente, sostituendo piste storiche come Nuerburgring e Hockenheim.
 
– La curva 11 è una delle più complicate dell’intero campionato. È la più veloce di tutta la pista, e viene affrontata in quinta marcia ad una velocità di circa 200 km/h con una curvatura negativa in cui i piloti scendono di ben 21 metri (equivalenti a 7 piani di una abitazione) in una distanza di soli 250 metri. Inoltre si tratta di una curva a destra che viene raggiunta dopo aver affrontato sette curve a sinistra in 31 secondi, e questo provoca il raffreddamento del lato destro dello pneumatico, creando problemi ai piloti.
 
– La frenata alla fine del rettilineo è la più forte di tutta la pista: la staccata si affronta ad oltre 290 km/h, e i piloti frenano per 5,4 secondi su una distanza di 260 metri.
 
– Il 24% di ogni giro è affrontato in frenata.
 
– Il GP di Germania è quello con il maggior numero di giri in tutto il calendario, con un totale di 30.
 
– 0,307 secondi hanno separato il primo dal quarto classificato nel GP del 2006. Si tratta del distacco più breve tra i primi quattro nella storia della categoria. Rossi, Melandri, Hayden e Pedrosa, in quest’ordine, sono stati i protagonisti di quel traguardo.
 
– Solo nove piloti si sono schierati sulla griglia di partenza del GP del 2014. Gli altri piloti (quattordici in totale) sono partiti dalla Pit Lane perché erano rientrati ai box per cambiare moto, dando vita ad una delle partenze più strane nella storia del motociclismo.






Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4187 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*