Asd Judo Frascati, solita grandissima festa per la 42esima edizione del saggio di fine anno





Il tempo, per fortuna, non ha guastato la festa dell’Asd Judo Frascati che sabato scorso ha
“mandato in scena” la 42esima edizione del “saggio di fine anno”. Il solito spettacolo di
colori e piccoli judoka che hanno prima sfilato in un festoso corteo dalla palestra comunale
di via Conti di Tuscolo fino a piazza della Porticella (davanti al Parco dell’Ombrellino) per
poi celebrare i cambi di cintura e mettere in mostra quanto appreso durante l’anno sportivo.

Il saggio di fine anno

Oltre 150 atleti sono stati coinvolti più i vari tecnici: Alfredo Moraci, Lorenzo Ranalli,
Daniele Mattozzi, Maria Laura Moraci, Enrico Zingaretti ed Andrea Mancini. A fare da
cornice a questo evento la presenza di un pubblico entusiasta che ha riempito piazza
della Porticella. Prima dell’arrivo del corteo dei piccoli judoka, a piazza della Porticella
si sono esibiti nell’hip hop i ragazzi del Tusculum Sport Center guidati dal maestro e
coreografo David Coni che ha invitato tutti i presenti al saggio che avrà luogo venerdì
29 giugno alle ore 20 presso il teatro Capocroce. Al termine di questo, sulle note della
colonna sonora del “Gladiatore”, ha fatto ingresso nella piazzetta il corteo composto
dai tantissimi judoka e dal grande seguito di genitori.

Nel corso delle due ore del saggio tutti i gruppi hanno messo in scena alcune esibizioni
(da quello dei bambini più piccoli dell’attività neuromotoria che hanno fatto un percorso
con attrezzi a quelli del primo, secondo e terzo turno che si sono esibiti in tecniche e
ukemi, vale a dire le cadute del judo). Tra i momenti salienti del saggio ci sono stati i
zempo kaiten ukemi (spettacolari cadute volanti con superamento fino a dieci persone
di ostacolo) in cui si sono cimentati alcuni ragazzi come Rocco Caramoni ed i maestri
presenti.

Il nage no kata

Poi Piera Moraci e Javier Garcia Aponte si sono esibiti nel nage no kata (forma delle
proiezioni), a seguire molto divertente è stata la rappresentazione di una “scenetta”
in cui si è vista una ragazza aggredita da tre bulli e che, successivamente iscrittasi al
judo e dopo duri allenamenti, riesce a prendersi la sua personale “rivincita” sui
medesimi malcapitati bulletti.




Da non dimenticare anche uno spettacolare randori (esercizio libero di proiezioni e
proseguimento a terra) messo in mostra dagli agonisti tra cui la campionessa italiana
under 18 Flavia Favorini, Elisabetta Vivino, Veronica Farina e Leonardo Billi, oltre
ovviamente ai cambi di cintura per tutti i presenti (con consegna di uno zaino e di un
diploma) e al lancio delle vecchie cinture.

Domenica prossima, infine, sarà la volta del saggio dei settori della ginnastica ritmica
e artistica: appuntamento al PalaAriccia con orario dalle 9 alle 11.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*