Jules Cluzel vince una gara memorabile





Alcune gare sono fatte proprio per essere guardate e riguardate. La quarta gara del Campionato Mondiale FIM Supersport ad Assen rientra tra queste, dato che gli appassionati olandesi hanno assistito ad una spettacolare lotta per la vittoria, con il quarto vincitore dell’anno. La battaglia è stata mozzafiato, tra sorpassi e controsorpassi e, alla fine, il campionato è davvero imprevedibile.

Allo spegnersi del semaforo, è stato Jules Cluzel (NRT) ad andare in testa. Il pilota francese ha passato un anno e mezzo senza vincere nel WorldSSP e la sua stagione è iniziata con due gare deludenti. Ma dopo una fantastica partenza qui, in cui è passato dalla quarta alla prima posizione nel primo giro, Cluzel non ha mai lasciato il comando del gruppo, combattendo contro tutti gli avversari.

Ma la vera stella del gruppo è stata Randy Krummenacher (BARDAHL Evan Bros. WorldSSP team). Il pilota svizzero ha avuto una partenza da incubo, un problema sulla sua Yamaha lo ha costretto a rientrare ai box prima del giro di ricognizione ed è partito dal fondo. Ma questo è stato solo l’inizio di una memorabile rimonta. Nel primo giro era 18°, a metà gara era 7° ed era già a caccia del gruppo di testa.

Poi sono arrivati gli ultimi giri: ha passato Luke Stapleford (Profile Racinge) al 12° giro, per poi superare Federico Caricasulo e Lucas Mahias (GRT Yamaha Official WorldSSP Team) poco dopo che i due compagni di squadra erano vicini. Ha successivamente battagliato con Sandro Cortese (Kallio Racing) per il podio virtuale ed infine, quando mancava un giro al termine, è riuscito a passare Raffaele De Rosa (MV Agusta Reparto Corse) per la seconda posizione. Cluzel ha dimostrato di essere l’uomo da battere, ma Krummenacher va lodato per la sua prestazione, probabilmente fino ad ora la migliore di questo campionato.




Alle sue spalle, De Rosa ha portato la MV Agusta sul podio per la prima volta in questa stagione, dopo aver insidiato Cluzel per tutta la gara. Si tratta della prima non-Yamaha tra le prime tre quest’anno. È riuscito a stare davanti anche al leader della classifica Mahias, che vede il suo vantaggio in classifica ridursi a solo un punto.

Cortese, che partiva dalla pole, non è riuscito a mantenere la prima posizione allo spegnersi del semaforo come aveva fatto a MotorLand Aragon. Alla fine è arrivato quinto dopo che Stapleford, che gli era finito davanti, è stato sanzionato per un incidente con Caricasulo. Il pilota italiano sarà estremamente deluso e lascia Assen a secco di punti e perdendo contatto con il leader della classifica.

Alle spalle di Cortese, troviamo Niki Tuuli (CIA Landlord Insurance Honda), sesto. Robert Hartog (Team Hartog – Against Cancer) è settimo e Thomas Gradinger (NRT) è ottavo, tutti e tre i piloti sono separati da mezzo secondo.

Fonte: worldsbk.com



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4674 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*