Calcio, Promozione, Atletico 2000, Antonini: “Ambiente compatto, tutti uniti per questa sfida”





Tre pareggi di fila da quando è tornato sulla panchina dell’Atletico 2000 Calcio. Fabrizio Antonini è
sempre stato uno “da battaglia” e nelle situazioni complicate sa come cavarsela.

Le dichiarazioni di Fabrizio Antonini

«Se ho accettato di tornare quando il direttore sportivo Massimiliano Martinelli è perché mi
piacciono le sfide e sono convinto che tutti assieme possiamo farcela» dice il “Papero” che
parla, non senza qualche rammarico, delle tre partite dopo il suo ritorno. «Abbiamo
pareggiato a Frascati facendo un’ottima partita, poi in casa contro il Fonte Meravigliosa
abbiamo subito dei gravi torti arbitrali e siamo stati raggiunti allo scadere quando stavamo
portando a casa tre punti fondamentali. Domenica scorsa, sul campo del Podgora, siamo
riusciti a portare via un altro punto prezioso su un terreno pieno di buche dove è stato
improponibile giocare a calcio. Certo, ci servirebbe un successo per dare un ulteriore scossa ad un gruppo che, comunque, si sta allenando bene e crede di poter centrare l’obiettivo».

Quello dell’Atletico 2000, in questo momento, è abbastanza chiaro: «Nell’ultimo turno ci sono stati alcuni favorevoli risultati delle concorrenti e per la lotta salvezza più siamo e meglio è – dice Antonini – Il nostro obiettivo è ancora quello della salvezza diretta o in alternativa di andare a giocare il play out in casa. Ma in questo momento fare calcoli serve a poco, bisogna solo dare il massimo». Purtroppo per l’Atletico 2000, domenica prossima Antonini dovrà scontare la seconda delle quattro giornate di squalifica che il giudice sportivo gli ha affibbiato proprio dopo il match col Fonte Meravigliosa.

«Ce la vedremo con il La Rustica, squadra di valore che ha ancora qualche speranza di play off e che annovera giocatori come Simonetta che non c’entrano nulla con la categoria. Ma noi dobbiamo assolutamente cercare la vittoria per proseguire il nostro percorso e aumentare le possibilità di salvezza: soprattutto in casa dobbiamo trovare i punti necessari per centrare l’obiettivo» conclude Antonini.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*