Serie A2 Femminile: Club Italia CRAI inarrestabile, travolta Collegno





Il Club Italia CRAI femminile non smette di stupire: nell’anticipo della decima giornata di ritorno di Serie A2 le azzurre travolgono anche la diretta rivale Barricalla Collegno, centrando la vittoria numero 10 nelle ultime 11 partite e conquistando tre punti preziosissimi in chiave playoff. Dopo un avvio ricco di errori, le azzurre prendono il volo sul 13-13 del primo set e non si fermano più, dominando anche il secondo parziale (25-16); solo nel terzo le ospiti si rifanno vive, rimontando dal 15-12 al 16-16, ma nella volata finale è ancora la squadra di Bellano a imporsi con autorità.
Il Club Italia trova la sua arma più efficace in una battuta sempre incisiva, che contiene al 24% la ricezione perfetta delle ospiti; ancora una prova stellare per l’attacco (49% di squadra), sostenuto da una ricezione solidissima. Protagonista Elena Pietrini con 15 punti e 3 ace, ma non sono da meno Marina Lubian (58% in attacco e 4 muri vincenti) e Rachele Morello, impeccabile in regia. Da sottolineare anche l’ottimo ingresso di Katarina Bulovic, autrice di 2 punti fondamentali per la conquista del primo set. Collegno trova ancora una volta in panchina le risorse per provare a riaprire la gara: Ylenia Migliorin, titolare nel terzo set, chiude con 7 punti.
Grazie a questo successo le azzurre si portano a quota 42 punti in classifica, garantendosi così la certezza di conservare l’ottavo posto anche dopo il turno di riposo in programma mercoledì 7 marzo. Il Club Italia tornerà in campo domenica 11 in casa della UBI Banca San Bernardo Cuneo.

La cronaca:
Il Club Italia CRAI recupera all’ultimo minuto Sarah Fahr, bloccata da un problema alla schiena nell’allenamento della vigilia. Il sestetto è dunque quello annunciato, con la diagonale Pietrini-Omoruyi in posto 4. Formazione a sorpresa invece per Collegno, che lascia inizialmente fuori Agostinetto e il capitano Gobbo: al centro c’è Brussino con Pastorello, come schiacciatrici Poser (in alternanza con Fiorio) e Schlegel, mentre l’opposto titolare è Vokshi.
In avvio di partita le azzurre sono aggressive ma troppo fallose: così al 4-2 firmato Lubian risponde Collegno per il break del 5-8, con ben 4 errori avversari. La squadra di casa si rimette in carreggiata sul 9-9 e si procede punto a punto fino al 13-13, quando il turno di battuta di Nwakalor si rivela decisivo: parziale di 6-0 per il Club Italia, malgrado i due time out chiamati da Marchiaro e l’inserimento di Migliorin. Il servizio di Pietrini fa volare le azzurre sul 22-14, e la neoentrata Bulovic propizia il set point; al secondo tentativo l’errore in battuta di Fragonas regala il 25-18.
Collegno riparte per il secondo set con Gobbo al posto di Brussino, e dopo pochi punti sostituisce anche Schlegel con Fiorio. Il Club Italia però vola subito sul 6-2 con un ace di Fahr e poi sull’8-3 grazie all’errore di Vokshi. Il Barricalla prova ad accorciare le distanze con Poser, ma i muri di Lubian e Fahr rispediscono le ospiti sull’11-7; Marchiaro inserisce Agostinetto e Courroux, Nwakalor però colpisce in attacco e a muro per il 15-8 e allunga ancora sul 18-10. Le azzurre dilagano con Pietrini (20-12) e con l’ace di capitan Lubian (23-13) prima di chiudere i conti con la stessa Pietrini per il 25-16.
Nel terzo set il Club Italia schiera Malual al posto di Fucka, mentre per Collegno sono in campo dall’inizio Agostinetto e Migliorin. È sempre Pietrini a trascinare le azzurre, prima con l’attacco del 4-2 e poi con il devastante turno di servizio che vale il 9-3 (due ace). Marchiaro si gioca entrambi i time out e la sua squadra recupera tre punti, ma Omoruyi e Malual tengono avanti le azzurre (11-7). Entra Cortella per Omoruyi, Lubian firma il muro del 14-10; Collegno però si mantiene a contatto e approfittando di qualche sbavatura azzurra in ricezione risale dal 16-13, trovando il pareggio sul 16-16 con Migliorin. Omoruyi, appena rientrata in campo, riporta avanti le padrone di casa sul 20-18, e l’errore di Agostinetto consolida il vantaggio sul 23-20; è Lubian a regalare tre match point alle azzurre, che sfruttano il secondo con un attacco vincente di Elena Pietrini per il 25-22.

I commenti:
Massimo Bellano (all. Club Italia CRAI): 
“Dopo i primi minuti la partita si è incanalata sui binari giusti. Collegno è stata forse più remissiva di quanto ci aspettassimo, ma la nostra prestazione è stata pulita in tutti i fondamentali. Com’è naturale che sia ogni settimana si vede qualche progresso, sia dal punto di vista tecnico sia nella capacità di stare in campo. Non dobbiamo pensare troppo alla classifica: l’obiettivo principale è stabilizzare il nostro gioco, poi il resto verrà da sé.”
Katarina Bulovic (Club Italia CRAI): “Abbiamo portato a casa tre punti davvero importanti, stiamo risalendo in classifica e siamo molto contente di quello che stiamo facendo in questo periodo. Entrare nei playoff sarebbe un traguardo fantastico, noi ci crediamo fino in fondo e lavoriamo tutte insieme per questo obiettivo.”

Club Italia CRAI-Barricalla Collegno 3-0 (25-18, 25-16, 25-22)
Club Italia CRAI: 
Fucka ne, Malual 1, Morello 1, Lubian 12, Cortella 1, Pietrini 15, Omoruyi 9, De Bortoli (L), Tonello (L) ne, Turco, Fahr 5, Nwakalor 12, Mangani ne, Bulovic 2. All. Bellano.
Barricalla Collegno: 
Vokshi 3, Poser 4, Fiorio 1, Gobbo 4, Lanzini (L), Schlegel 1, Courroux 1, Colamartino (L) ne, Agostinetto 5, Fragonas, Morolli, Pastorello 1, Brussino 1, Migliorin 7. All. Marchiaro.
Arbitri: Colucci e De Simeis.
Note: Spettatori 150 circa. Club Italia: battute vincenti 5, battute sbagliate 11, attacco 49%, ricezione 67%-44%, muri 8, errori 28. Collegno: battute vincenti 0, battute sbagliate 4, attacco 31%, ricezione 47%-24%, muri 4, errori 17.






Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4088 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*