Sbk: Lowes e van der Mark commentano la loro gara a Phillip Island





Entrambi i piloti Yamaha hanno disputato una difficile Gara 2

Dopo uno spettacolare duello ruota a ruota lo scorso sabato a Phillip Island, i due piloti del team Pata Yamaha Official WorldSBK Alex Lowes e Michael van der Mark si sono incontrati di nuovo domenica, con una Gara 2 flag-to-flag, diventata un’incredibile battaglia.

Lowes, quinto al traguardo, si è detto felice a seguito di una settimana difficile.

“Non direi che sia stato un buon weekend, ma è stato solido”, ha detto il britannico. “Non è stata una settimana facile per me, non mi sono sentito a mio agio sulla moto, ma ho ottenuto il massimo che ho potuto da entrambe le gare. Oggi le sensazioni sulla moto erano decisamente migliori.”




L’ex campione britannico dice che è stato merito dei cambiamenti tra una gara e l’altra, ma la gara divisa in due parti non ha beneficiato ai miglioramenti. “Abbiamo fatto un grande cambiamento rispetto a ieri, e oggi la moto era molto più stabile. Penso che avremmo concluso in una posizione migliore se fosse stata una gara normale e più lunga! Ma è stata buona e mi sono divertito.”

Anche il suo compagno di squadra Van Der Mark si è divertito nella battaglia. Nelle fasi iniziali è stato con il gruppo dei primi su un tracciato dove l’olandese è già stato sul podio in occasioni precedenti.

“È stata una gara veramente bella, ho avuto una buona partenza e tutti spingevano molto nella prima parte di gara”, afferma il Campione della WorldSSP del 2014. “Mi sono divertito molto e mi sono sentito veramente bene. Penso che tutti si siano divertiti perché abbiamo dato tutto, nessuno ha pensato al risparmio delle gomme e volevamo tutti quanti essere davanti. Penso che per le persone che hanno seguito sia stato molto divertente!”

Lo è stato e ha continuato così fino al traguardo. Ma è stato nel momento del pit stop quando Van Der Mark  ha perso le buone sensazioni della prima parte di gara.

“Ho deciso di fermarmi al primo giro consentito, abbiamo fatto un pit stop perfetto e stavamo aspettando alla fine della pitlane…poi siamo tornati in pista e abbiamo visto che tutti erano di nuovo al T1. È stata una bella battaglia ma appena ho messo il secondo set non mi sono sentito più bene come prima e non avevo più lo stesso grip. Non sappiamo perché ma dobbiamo essere contenti dei punti che abbiamo ottenuto e speriamo di poter avere delle gare normali in futuro e di poter lottare per la top five.”

È una lotta che conosce bene e la prossima opportunità sarà al Buriram il mese prossimo, dove Van Der Mark ha ottenuto la pole position nel 2016, la prima di un pilota olandese.

Fonte: worldsbk.com



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4094 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*