WorldSSP, un ritorno col botto





Lucas Mahias (GRT Yamaha Official WorldSSP Team) ha conquistato una vittoria mozzafiato nel primo evento della stagione a Phillip Island, dove il Campione in carica è subito scappato via con un passo incredibile. La battaglia per le restanti piazze sul podio è invece stata da brividi, con Randy Krummenacher (BARDAHL Evans Bros. WorldSSP Team) che ha tagliato il traguardo fra Sandro Cortese (Kallio Racing) e Federico Caricasulo (GRT Yamaha Official WorldSSP Team).

La WorldSSP era cominciata con l’esposizione della bandiera rossa dopo una manciata di giri: Ant West (EAB Antwest Racing) ha accusato un problema tecnico e non è riuscito a ripartire, cosa che invece ha fatto Hikari Okubo (Kawasaki Puccetti Racing). Con West incapace di tornare ai box, si è reso necessario ricominciare da capo.

La griglia è stata disposta secondo le posizioni originali e la distanza di gara ridotta a 9 giri (per consentire il pit-stop come annunciato sabato per ragioni di sicurezza). Mahias ha subito cominciato a lottare con Kenan Sofuoglu (Kawasaki Puccetti Racing), ma il francese è poi scappato via. Sofuoglu si è tenuto la seconda piazza insidiato da Caricasulo e Krummenacher, prima che il turco perdesse terreno.

La bagarre per il podio ha cominciato ad infiammarsi, dato che anche Cortese, autore di una partenza piuttosto in salita, ha raggiunto la coppia a suon di giri veloci. L’ultimo giro ha visto Krummenacher balzare al secondo posto, ma il Campione 2012 di Moto3™ lo ha attaccato all’ultima curva sfruttando la scia di Caricasulo e precedendo l’italiano per pochissimo.




Quinto Luke Stapleford (Profile Racing) con la Triumph e autore di una fantastica prima gara dell’anno, seguito a debita distanza dalla MV Agusta di Raffaele De Rosa (MV Agusta Reparto Corse by Vamag) e da Jules Cluzel (NRT), che nelle fasi iniziali era finito fuori pista perdendo terreno, per poi rimontare fino alla zona punti raggiungendo il gruppetto dei concorrenti che lo precedeva.

Kyle Smith (GEMAR Team Lorini) chiude ottavo in sella alla propria Honda, che quindi è la quarta moto diversa in Top10, completata da Ayrton Badovini (MV Agusta Reparto Corse by Vamag) e Thomas Gradinger (NRT).

Niki Tuuli (CIA Landlord Insurance Honda) e Loris Cresson (Kallio Racing) sono undicesimo e dodicesimo, seguiti dal Campione in carica Sofuoglu, che come detto precedentemente ha iniziato a perdere posizioni, probabilmente anche per via dell’incidente di venerdì che di fatto ha rallentato il suo inizio. Alle sue spalle c’è il compagno di squadra Okubo, con Tom Toparis (Cube Racing) che al debutto batte gente più esperta.

Ora si volerà in Thailandia e Buriram rappresenterà una sfida molto diversa, con temperature più alte. Ci sarà il bis di Mahias o il riscatto di Sofuoglu?

Fonte: worldsbk.com



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4759 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*