Vela, conclusa a Miami la World Cup, Tartaglini è argento


Vela, conclusa a Miami la World Cup, Tartaglini è argento




Vela, con le cinque Medal Race della giornata di ieri, e le successive premiazioni, si chiude ufficialmente la tappa di Miami delle World Cup Series. L’evento ha grande importanza per le federazioni, seppur non qualifichi atleti o Nazioni alle Olimpiadi, e le diverse condizioni meteo di questa edizione hanno permesso di ottenere un giudizio ancor più completo agli atleti e ai tecnici in vista della preparazione ai Mondiali di Aarhus in programma nella prima settimana di agosto.

E se è difficile prevedere che condizioni ci saranno in Danimarca ad agosto, qui a Miami c’è stato un po’ di tutto, i primi giorni una termica leggera con onda corta, e poi il vento si è intensificato fino ad essere così forte venerdì che il Comitato non ha fatto uscire gli equipaggi in mare, facendo passare i primi dieci delle flotte veloci direttamente in Medal Race sabato. Gli atleti hanno potuto regatare in diverse condizioni e capire con i propri tecnici dove andare ad insistere da adesso in avanti.

Vela l’Italia può essere fiera del risultato

L’Italia può essere fiera della medaglia d’argento conquistata da Flavia Tartaglini (SV Guardia di Finanza) nell’RS:X, del settimo posto di Marta Maggetti (SV Guardia di Finanza) nella stessa classe e della coppia Lorenzo Bressani (CC Aniene) e Cecilia Zorzi le regate di Miami con un quinto posto.
Nell’ultima giornata, l’unico equipaggio impegnato nelle Medal Race era quello composto da Benedetta di Salle e Alessandra Dubbini (YC Italiano) nel 470 femminile, che chiude la trasferta americana in ottava posizione con un ottavo posto nell’ultima prova a punteggio doppio. Nella classe double handed femminile vincono le slovene Mrak/Macarol, dopo una settimana quasi perfetta in cui scartano un nono posto. Sono sedicesime Elena Berta– Sveva Carraro (CS Aeronautica Militare) e diciannovesime Ilaria Paternoster – Bianca Caruso (YC Italiano).

Di Salle, Dubbini: “Siamo contente della settimana”

“Siamo contente della settimana – raccontano dopo il termine della prova odierna Benedetta di Salle e
Alessandra Dubbini – peccato solo per la Medal Race, per cui eravamo molto cariche, una brutta partenza
in ‘seconda fila’ non ci ha permesso di poter recuperare il gruppo delle prime e chiudere meglio la
settimana”.
Nel 470 maschile vincono l’oro i britannici Patience/Grube, mentre gli azzurri Matteo Capurro – Matteo
Puppo (YC Italiano) chiudono in diciannovesima posizione e Giacomo Ferrari– Giulio Calabrò (CSA Marina
Militare) in ventunesima.




Nei Laser il vincitore è la medaglia d’oro a Rio, l’australiano Tom Burton, mentre il primo italiano è
Francesco Marrai (SV Guardia di Finanza) sedicesimo, seguito da Marco Gallo (SV Guardia di Finanza) e
Giovanni Coccoluto (SV Guardia di Finanza) rispettivamente in 23esima e 24esima posizione.

Sedicesima anche la prima italiana nei Laser Radial, Joyce Floridia (SV Guardia di Finanza), è ventiseiesima
Silvia Zennaro (SV Guardia di Finanza) in una classifica che vede in testa la britannica Alison Young.

Continuano i successi di Giles Scott

Continuano i successi di Giles Scott nel Finn che stra-vince la tappa World Cup di Miami con 32 punti di
distacco dal secondo, l’americano Caleb Paine, bronzo a Rio.
Il prossimo evento delle World Cup Series si terrà a Hyeres in Francia, dal 22 al 29 aprile prossimi, e gli
equipaggi che si qualificheranno potranno partecipare alla finale di Marsiglia dal 3 al 10 giugno.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*