Serie A2 Femminile: Il Club Italia CRAI espugna anche il campo di Caserta





Missione compiuta per il Club Italia CRAI: la squadra della Federazione Italiana Pallavolo vince anche sul campo della Golden Tulip Volalto Caserta e allunga la sua serie positiva nella Samsung Galaxy Volley Cup Serie A2, portandola a sei vittorie consecutive. Le casertane, ultime in classifica, mettono in seria difficoltà le azzurre giocando una partita di grande carattere e determinazione: dopo aver perso il primo set, le padrone di casa conducono sempre il secondo (25-20) e negli ultimi due parziali restano in scia fino al 17-17.
A decidere la contesa è ancora una volta il muro del Club Italia: ben 21 i punti messi a segno delle azzurre nel fondamentale, con uno strepitoso bottino di 13 muri per Sarah Fahr (top scorer di giornata). In attacco danno un contributo fondamentale Sylvia Nwakalor (17 punti) e Elena Pietrini (16), entrambe sopra il 40% di efficacia, mentre in difesa brilla Chiara De Bortoli; importante anche l’impatto di Loveth Omoruyi, entrata stabilmente in campo dal terzo set. Nelle file di Caserta ottima prova di Lea Cvetnic e dell’ex di giornata, Noura Mabilo, autrice di 13 punti con 4 muri.
Con questo successo il Club Italia si porta a quota 33 punti in classifica staccando Orvieto, ferma per il turno di riposo. Le azzurre torneranno in campo domenica 4 febbraio in casa della Battistelli San Giovanni Marignano.

La cronaca:
Il Club Italia CRAI lascia precauzionalmente a riposo il capitano Marina Lubian per un fastidio al ginocchio: al centro c’è l’esordio da titolare per Fucka in diagonale con Fahr. Confermata, per il resto, la formazione scesa in campo nelle ultime gare. La Volalto Caserta si presenta con il sestetto tipo, con un cambio però nel ruolo di libero: Marangon al posto di Barone.
È la squadra azzurra a mettere a segno il primo break della partita, grazie a Nwakalor e a un attacco out di Denysova: 3-6. Due muri consecutivi di Fahr valgono il 6-9, ma Mabilo e Cvetnic regalano il sorpasso a Caserta (10-9) convincendo Bellano a fermare il gioco. Ci pensa Pietrini a ripotare avanti il Club Italia sull’11-13, poi Nwakalor allunga con l’ace del 12-15; la stessa Pietrini consolida il vantaggio con due attacchi vincenti (13-17). La Golden Tulip rimonta fino al 17-19 sul servizio di Denysova, ma da qui in poi c’è solo Club Italia in campo: Mangani e Pietrini fermano la rincorsa casertana, un muro di Fahr vale il 17-23 e due errori delle padrone di casa mettono subito fine al parziale.
In avvio di secondo set il Club Italia prova a scappare ancora con un servizio vincente di Fahr (3-5), ma una serie di errori azzurri ribaltano il risultato sull’8-6. Morello riporta subito in parità le ospiti, ma dopo una fase di lotta punto a punto (10-11) attacco e muro di Cvetnic regalano a Caserta il break del 15-12, costringendo il coach azzurro a fermare il gioco. Dal 17-14 le ospiti rimontano fino alla parità, con il contributo delle nuove entrate Turco e Malual; la Volalto prova di nuovo ad allungare (19-17) ma viene raggiunta dal muro di Mangani, e il finale è in volata. Sul 20-20 due errori azzurri e un ace di Silotto mandano in fuga Caserta, che va al set point con il muro di Mabilo (24-20). Il Club Italia annulla le prime due chance, ma al terzo tentativo Cvetnic sigla il 25-22.
Le azzurre ripartano per il terzo set con Omoruyi nel sestetto titolare, e proprio il servizio della nuova entrata propizia lo 0-3 iniziale; Caserta però non molla e pareggia sul 4-4. Nwakalor trova subito un nuovo break per il 4-6, ma le padrone di casa restano in scia (9-10) e alla fine completano la rimonta con Denysova e Cvetnic per il 13-12. Entra Malual per Fucka, la Golden Tulip prova anche a scappare sul 16-14, ma sul 17-17 sono i muri di Omoruyi e Fahr (tre consecutivi) a regalare un bel vantaggio al Club Italia, che poi scappa sul 17-22 grazie all’errore di Mabilo. La Volalto tenta ancora di rientrare, Nwakalor però mette a segno il 20-24 e Pietrini al terzo tentativo chiude i conti sul 22-25. 

Nel quarto set, dopo un avvio equilibrato, Omoruyi e Malual regalano il break del 5-8 al Club Italia, che con il muro di Fahr allunga fino al 7-11; dall’8-13 Caserta recupera con Silotto e Tajè, fino a riavvicinarsi sul 14-15 e completare la rimonta con Cvetnic (16-16). A togliere le azzurre dai pasticci è ancora il muro: tre consecutivi di Fahr, Omoruyi e Nwakalor, prima dell’attacco vincente della stessa Omoruyi per il 18-21. Dopo il time out chiesto da Monfreda, altri due muri di Nwakalor e Fahr procurano il match point (18-24); chiude in bellezza Sylvia Nwakalor con l’attacco del 20-25.

Il commento:
Massimo Bellano (all. Club Italia CRAI): 
“Ci siamo complicati un po’ la vita nella prima parte della gara con un atteggiamento troppo aggressivo e molti errori in battuta, e credo che abbiamo anche chiuso troppo i colpi in attacco. Poi però, quando la gara si è fatta più tesa, abbiamo fatto vedere le cose migliori, recuperando bene a muro e in attacco, e abbiamo portato a casa tre punti importanti. Al muro, che sta diventando un fattore fondamentale, dobbiamo riuscire ad abbinare una continuità maggiore in battuta e in contrattacco”.

Golden Tulip Volalto Caserta-Club Italia CRAI 1-3 (17-25, 25-22, 22-25, 20-25)
Golden Tulip Volalto Caserta:
 Abbate ne, Marangon (L), Forte ne, Denysova 11, Silotto 5, Manig 1, Cvetnic 16, Barone (L), Mabilo 13, Tajè 7, Savinelli ne, Emendato ne. All. Monfreda.
Club Italia CRAI: 
Fucka 3, Malual 4, Morello, Lubian ne, Cortella, Pietrini 16, Omoruyi 8, De Bortoli (L), Tonello (L) ne, Turco, Fahr 21, Nwakalor 17, Mangani 4, Bulovic. All. Bellano.
Arbitri: De Sensi e Stancati.
Note: Spettatori 200 circa. Caserta: battute vincenti 5, battute sbagliate 11, attacco 31%, ricezione 49%-18%, muri 11, errori 24. Club Italia: battute vincenti 5, battute sbagliate 16, attacco 39%, ricezione 57%-20%, muri 21, errori 31.




 



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 3781 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*