Tiro con l’arco, i Campioni del Mondo azzurri premiati con il Collare d’Oro


Tiro con l'arco, i Campioni del Mondo azzurri premiati con il Collare d'Oro




Marco Galiazzo, Mauro Nespoli, David Pasqualucci, Elisabetta Mijno e Stefano Travisani
sono stati premiati con il Collare d’Oro CONI per i titoli mondiali vinti nel 2017.

Questa mattina sul palco del Salone della Armi a Roma è andata in scena la festa dello
sport italiano con la cerimonia della consegna dei Collari d’Oro 2017, la massima
onorificenza legata al movimento. Alla cerimonia, andata in onda in diretta tv su Rai 2
(in fondo alla notizia il link per rivedere tutte le premiazioni), ha partecipato l’eccellenza
del movimento olimpico e paralimpico, omaggiata dal Premier Paolo Gentiloni, con il
Presidente del CONI, Giovanni Malagò a fare gli onori di casa, alla presenza del Ministro
dello Sport, Luca Lotti, e del Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli.

Due ore intense di premiazioni ed emozioni, impreziosite dall’efficace contenuto dei
messaggi istituzionali.

A ricevere il Collare d’oro per il tiro con l’arco sono stati i Campioni del Mondo del 2017:
gli atleti dell’Aeronautica Militare Marco Galiazzo, Mauro Nespoli e David Pasqualucci,
vincitori dell’oro a squadre arco olimpico a Città del Messico, ed Elisabetta Mijno e
Stefano Travisani freschi del titolo iridato mixed team vinto a settembre a Pechino ai
Mondiali Para-Archery.




Gli azzurri erano presenti alla cerimonia insieme al Presidente FITARCO Mario Scarzella
e al Segretario Generale Marcello Tolu.

Le prime parole sono quelle di Marco Galiazzo che è stato stuzzicato sul cappello alla
pescatora usato durante tutte le gare: “devo dire che non è un bel vedere – ha scherzato
il campione del mondo – ma è funzionale, è per quello che oltre a me lo usano tanti altri
arcieri tra cui alcuni miei compagni di squadra”.

Ad addentrarsi nel successo di Città del Messico ci ha pensato Mauro Nespoli: “La
semifinale contro i mostri sacri della Corea del Sud è stata quella decisiva, siamo riusciti
ad imporre il nostro ritmo alla gara e poi abbiamo vinto alla freccia di spareggio, in quel
momento abbiamo capito che la medaglia era veramente alla nostra portata”.

L’ultimo azzurro premiato per il successo in Messico è stato David Pasqualucci, terzo
componente della squadra tutta marchiata Aeronautica Militare. L’arciere ha affrontato
i temi legati ai prossimi obiettivi: “adesso dobbiamo ripeterci e cercare di fare il massimo
il prossimo anno per poi arrivare nelle migliori condizioni a Tokyo 2020 dove vogliamo
riscattarci dopo Rio”.

I premiati

Alla Cerimonia dei Collari d’oro di oggi sono stati premiati anche i vincitori dell’oro
mixed team dell’arco olimpico agli ultimi mondiali Para-Archery. La prima a prendere la
parola è stata l’atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre Elisabetta Mijno: “ricordo tutto
e niente del giorno della vittoria, come spesso accade quando c’è l’adrenalina. Ricordo bene
Stefano, l’ho dovuto un pochino trascinare perché per lui era il primo mondiale e giustamente
era un po’ spaventato. E’ stato bravissimo, anche perché nei giorni precedenti alla finale è
stato lui a supportarmi. L’emozione di vincere un Mondiale è difficile da descrivere, io dico
sempre che è bello il percorso più che l’arrivo”.

Infine è il turno di Stefano Travisani, che ha vinto l’oro iridato il giorno del suo compleanno,
dopo soli due anni di attività agonistica in seguito all’incidente avuto mentre era in mountain
bike: “forse non ho ancora realizzato quello che abbiamo fatto, essere qui, in mezzo a tutti
questi campioni, a soli sei mesi e mezzo dal mio incidente è difficile da realizzare. Lo sport
da un lato mi ha tolto molto ma mi ha ridato tutto con gli interessi”.

(Foto credit Mezzelani-Ferraro GMT)​



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*