Lamborghini in Formula 1, il sogno di Ross Brawn


Lamborghini in Formula 1, il sogno di Ross Brawn




Una dichiarazione speranzosa, forse un sogno, ma tanto è bastato agli appassionati per iniziare a immaginare uno scenario davvero da favola: oltre alla Ferrari, alle Mercedes e alla rientrante Alfa Romeo, la F1 di domani potrebbe vedere in pista anche monoposto potenziate da motori Porsche, Aston Martin e soprattutto il ritorno della Lamborghini in Formula 1.

Lamborghini in Formula 1, possibilità reale?

Le dichiarazioni di Ross Brawn. Ad accendere la miccia non è stato un articolo di giornale o il pensiero di qualche fan appassionato di motori, ma un messaggio che arriva da una fonte ben più autorevole, ovvero Ross Brawn, direttore generale e responsabile sportivo di Liberty Media, la società americana che dallo scorso anno ha acquistato la proprietà e i diritti sul campionato mondiale di automobili più seguito e famoso in tutto il mondo.

Una nuova Formula 1. Parlando a margine dell’incontro con la FIA sulle nuove regole da adottare nel prossimo campionato (e, più in generale, dei progetti che la società ha per rendere la F1 sempre più interessante e moderna), l’ingegnere britannico (noto e caro agli appassionati di Ferrari per il suo trascorso a Maranello, sopratutto nell’epoca d’oro dei trionfi di Michael Schumacher) ha infatti aperto alla possibilità di accogliere nuovi marchi produttori all’interno del circus.




Altri ingressi? Per la precisione, Ross Brawn ha ammesso di volere coinvolgere più produttori, citando il caso dell’Alfa Romeo che, dal mondiale 2018, torna alle competizioni sportive in collaborazione con la Sauber; ebbene, l’ex direttore tecnico della Ferrari ha citato espressamente tre brand con cui proverà a tessere contatti per portarli alle corse, ovvero “marche premium come Porsche, Aston Martin e Lamborghini“.

Creare le condizioni. Una vera e propria dichiarazione di intenti e non solo una vaga speranza, quella del responsabile sportivo della F1, come si evince dalle considerazioni successive; Ross Brawn ha infatti ammesso che “con la power unit di oggi, nessun produttore è interessato a iniziare”, e pertanto Liberty Media, la Fia e tutto il circus stanno lavorando per creare i presupposti migliori per favorire l’ingresso di questi produttori premium, anche rendendo meno costoso e più facile il processo e realizzando “un ambiente che sia attraente per loro”. 

Apertura ai brand premium. Quasi una piccola promessa, dunque, che subito ha fatto drizzare le antenne agli appassionati, che da tempo sperano di veder battagliare sui circuiti della Formula 1 le monoposto motorizzate dai più affascinanti marchi del mondo auto, che comunque delle escursioni nelle competizioni sportive le compiono già da tempo. È solo il caso di ricordare, ad esempio, che la Aston Martin è già collegata con la Red Bull Racing e sarà title sponsor del team di Milton Keynes nel 2018, o che la Porsche dal prossimo anno dovrebbe sbarcare nella Formula E.

Il caso Lamborghini. Differente invece la situazione della Lamborghini in Formula 1, altro brand italiano che da sempre si contende il titolo di “supersportiva preferita” con la rivale (e corregionale) Ferrari; la società di Sant’Agata Bolognese, infatti, si sta dedicando con crescente attenzione al mondo del Gran Turismo, soprattutto con la competizione in house Huracán GT3 / Super Trofeo, ma la speranza di un ingresso in Formula 1 non è certo sopita.

Occasione da sfruttare. In attesa di ricevere informazioni maggiori e di scoprire cosa sarà del lavoro di convincimento da parte di Ross Brawn, per gli appassionati di motori e velocità non resta che incrociare le dita; oppure, se si intende passare dallo schermo e dal palco al volante in prima persona, si possono sfruttare i pacchetti di Rse Italia, agenzia nazionale che offre la possibilità di guidare una Lamborghini Gallardo su gran parte delle piste del nostro Paese, da Nord a Sud, diventando piloti per un giorno e provando a emulare le imprese dei propri beniamini.

Potrebbe interessarvi anche: Nuova parternship tra Lewis Hamilton e MV Agusta



1 Trackback / Pingback

  1. Lamborghini in Formula 1, il sogno di Ross Brawn - Arcobaleno Sport

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*