MotoGp, Valencia 2017: la pagella del Dicos


MotoGp, Valencia 2017: la pagella del Dicos




DANI PEDROSA 9,5: Vince una gara rocambolesca, dopo aver strappato a Zarco il piacere di tagliare per primo il traguardo. Quest’anno due delle tre gare spagnole sono state vinte dal ragazzo di Sabadell. Un sigillo che spingerà a rinnovare il contratto con l’ala dorata. Bravo!

 

JOHANN ZARCO 9+: Il francese coglie la seconda piazza d’onore stagionale ed ancora una volta, seppur da privato, è la prima M1 alla bandiera a scacchi. Nel 2017 è stato il secondo pilota che ha percorso, dopo l’iridato, più giri in testa. L’anno prossimo, se avrà il giusto supporto, sarà una brutta gatta da pelare per tutti. Coriaceo!

 




MARC MARQUEZ 8,5: La sintesi della sua prova è nella caduta non caduta; un mago nell’errore. Vince meritatamente il titolo perché anche quest’anno ha fatto la differenza quando la sua moto non era in grado di farlo. Il sesto titolo a soli 24 anni sancisce che abbiamo di fronte uno dei migliori talenti di sempre. Chapeau!

 

ANDREA DESMODOVI 10: Il voto è per quanto regalato nel corso della stagione. Le sue parole nel dopo gara, chiariscono in maniera chiara, cosa è successo con Lorenzo. E’ stato bello sognare ed è stato bello vedere, ancora una volta, che persona eccezionale è!

 

HONDA: Nel finale di stagione recupera il gap dalle avversarie e consente a Marc di realizzare il suo sogno.

 

DUCATI: Nel finale di stagione chiedere di più sarebbe stato ingeneroso. A Valencia ha dimostrato quello che è e quello che ancora non è….

 

YAMAHA: Un finale di stagione che, tranne che per un privato, è stato l’esatto opposto dell’inizio.

 

SUZUKI: Piccoli miglioramenti.

 

KTM: Quasi assente.

 

APRILIA: Assente.

 

TIFOSI: Facciamo una scommessa? Che alcuni tifosi improvvisati del Dovi di questi ultimi mesi, da domani torneranno, con tutto il loro carico di odio, a cinguettare altrove? Avete notato il carico di livore che avevano mentre gufavano una caduta di Marquez? Neanche nei peggiori teatri si arriva a simili rappresentazioni…..

 

CHE SPETTACOLO E’?: Ci sono una moto ed un pilota che monopolizzano i test invernali e l’inizio stagione; d’improvviso diventano somari. C’è una moto che, dopo un inizio di stagione zoppicante, inizia a volare, ma in Australia, nel momento del dunque, perde le ali. Ci sono piloti che diventano veloci e competitivi solo nelle gare di casa, mentre nelle altre sono come i titoli di coda….Ecco, seppur brutto, è uno spettacolo. Non chiamatelo, però sport.


Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 3670 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*