Rea imprendibile a Jerez





Quarta giornata di test dove Chaz Davies (Aruba.it Racing team Ducati) e Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) hanno provato per gran parte della sessione a rubare la scena al Campione del Mondo WorldSBK 2016 Jonathan Rea, capace però di fermare il cronometro a 1’38.720, risultando il pilota più veloce sul tracciato andaluso.

Il gallese di Ducati, impegnato con un nuovo deposito della sua Panigale R, ha lavorato sulla posizione in sella e sulla distribuzione dei pesi, chiudendo a meno di mezzo secondo dal numero 1 di Kawasaki (e terzo overall).  Bene anche il suo compagno di squadra Marco Melandri (Aruba.it Racing team Ducati): per lui una sessantina di giri a referto e tanto lavoro di adattamento alla Panigale, senza dimenticare che l’italiano si è piazzato ad appena 5 decimi da Davies.

Per il Campione del Mondo 2013 terza piazza e un ritardo vicino al secondo e mezzo dalla vetta. Troppo poco per un chiaro aspirante al titolo, che lavorerà anche domani sul tracciato andaluso, clima permettendo. (prevista pioggia a partire da questa notte).

Leon Camier (MV Agusta) è stato tra i più attivi con 57 giri e un crono finale di 1’40.767 mentre il duo di Pata Yamaha WorldSBK formata da Alex Lowes y Michael van der Mark è rimasto nelle retrovie a quasi tre secondi da Rea. La nuova R1 avrà bisogno di tempo e lavoro per arrivare a Phillip Island da protagonista.




 

Ecco i tempi di giornata:

Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team): 1.38.721

Chaz Davies (Aruba It.Racing- Ducati): 1.39.116

Tom Sykes (Kawasaki Racing Team): 1.39.461

Marco Melandri (Aruba It.Racing- Ducati): 1.39.694

Leon Camier (MV Agusta Reparto Corse): 1.40.693

Alex Lowes (Pata Yamaha Official Team): 1.41.007

Michael van der Mark (Pata Yamaha Team): 1.41.328

Fobte: worldsbk.com



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4037 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*