Raffaele De Rosa ed il titolo di campione del mondo Superstock 1000





La città di Napoli ha il suo primo campione del mondo della velocità, grazie al titolo vinto da Raffaele De Rosa nella classe 1000 Superstock. Lo scugnizzo più veloce del mondo, in sella ad una Bmw S1000 RR curata dal Team Althea Racing, entra così nella storia: “Sono – dice Raff 35 – molto soddisfatto. Il titolo è il frutto di tanto lavoro sia mio sia dei ragazzi del team. La squadra capitanata da Genesio Bevilacqua è sempre stata attenta alle mie esigenze di guida ed ha garantito una moto molto competitiva. Uno dei nostri segreti è stato massimizzare i risultati in base alle circostanze che si sono presentate durante il cammino”. Donington Park ed Assen le vittorie stagionali: “La tappa inglese – spiega – è stata fondamentale per il successo finale. In quell’occasione ho conquistato anche la pole position e la vetta del campionato. Il tracciato di Donington Park ha un sapore speciale per me, in quanto mi ricorda l’esordio in una gara del mondiale, avvenuto nel 2004. Mercado è stato un avversario tosto perché sempre molto veloce e competitivo. Anche Calia, Mahias e Razgatlioglu sono stati avversari difficili da controllare. La loro classe e competitività testimonia l’alto livello di difficoltà raggiunto dalla categoria”. Anche se del domani non vi è certezza, in De Rosa l’idea del futuro inizia già a prendere forma: “Mi piacerebbe – svela – partecipare al mondiale Sbk e Genesio è in questi giorni al lavoro per realizzare questo desiderio. Nel frattempo mi godo il successo che dedico alla mia famiglia, al team, al preparatore atletico Arturo Di Mezza ed alla mia città”.






Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4317 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*